Ruminazione notturna e insonnia

Ruminazione notturna e insonnia

Eccoci di nuovo insieme a parlare di ruminazione. In precedenti articoli vi ho parlato della ruminazione e come superarla e della ruminazione e dei disturbi psicologici. Oggi voglio parlarvi della ruminazione notturna e quattro modi per controllarla.

Come mai ci parli nuovamenteRuminazione notturna e insonnia di questo argomento?

Ho deciso di trattare questo specifico aspetto della ruminazione perché ho riscontrato che è un problema che affligge molti miei clienti.

Tutti abbiamo sperimentato notti insonne e sappiamo le conseguenze emotive e fisiche della mancanza di sonno.

È importante anche sapere che la scarsa qualità del sonno aumenta la probabilità di sviluppare la depressione ed è anche legata ad altre malattie (ad es. Diabete).

Inoltre, le persone che soffrono di insonnia possono rimanere incastrati in un circolo ruminativo che crea ulteriore stress. L’individuo che ha paura di non addormentarsi potrebbe avere momenti di ansia per l’insonnia stessa. I pensieri ruminativi (“Quando mi addormenterò?”, “Ho un appuntamento importante domani e ho bisogno di dormire”, “Passerò sicuramente la notte in bianco”) nutrono un ciclo negativo in cui i pensieri ripetitivi alimentano la preoccupazione e l’ansia e accresce l’incapacità di dormire. Quest’ultima aumenta ulteriormente la ruminazione.

Ruminazione notturna e insonnia

Ruminazione notturna e insonniaLa ruminazione è una forma eccessiva attivazione del pensiero e, di conseguenza, è importante evitare comportamenti che creano ulteriore eccitazione. Questo atteggiamento può cronicizzare il problema dell’insonnia.

Se tendi a soffrire di insonnia, ti consiglio di:

  • Non leggere sul tuo smartphone o Tablet.
  • Non guardare la televisione.
  • Non lavorare.
  • Infine, non cercare di sopprimere le tue preoccupazioni prima di andare a letto. Quando cerchi di “scacciare i pensieri” crei un effetto boomerang perché aumenti l’attività mentale.

Cosa puoi fare…

Se ti accorge che la notte rimani incastrato in pensieri ripetitivi prova a mettere in atto queste piccole ma utili strategie.

  • Distraiti con un compito rilassante (ad esempio, leggere un libro). Grazie a questo esercizio potrai focalizzare la tua attenzione su un solo compito ed eviterai che la tua mente si agiti troppo.
  • Non stare a girarti continuamente a letto, vai in un posto tranquillo a meditare. Molte persone credono che rimanere a letto porti ad addormentarsi. Ciò non è vero. Anzi, la persona che rimanere a letto tende a ruminare maggiormente rimanendo incastrato nel circolo vizioso ruminazione-insonnia.
  • Pratica un training di rilassamento. Grazie a queste pratiche potrai rilassare il tuo corpo e focalizzare la tua mente su sensazioni piacevoli. Sul mio Canale YouTube troverai un training di rilassamento e un esercizio con visualizzazione.

Spero che grazie a queste indicazioni potrai diminuire la tua tendenza a ruminare e godere di un sonno più appagante.

Se vuoi farmi delle domande o hai qualche curiosità, scrivi nei commenti!

 

NOVITA’: se sei un appassionato di psicologia e vuoi sapere come migliorare la tua autostima e le tue relazioni unisciti al mio Canale TELEGRAM!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque − 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla Newsletter
Scarica gratis il nuovo e-book “Autostimati”.
Ti inverò nuovi articoli, le news e gli inviti agli eventi.

Loading

error

Ti piace il mio sito? Allora spargi la voce! :)